Il 20 giugno inizia ufficialmente la gara più importante di tutti i Balcani, il tour di Serbia.

Ma perché questa gara è così sentita e come mai raccoglie l’interesse di così tante persone in una nazione nota per altri sport come il tennis, grazie a Novak Djokovic, ed il calcio, per merito dei tantissimi campioni che questa piccola nazione offre al palconiscenico europeo e mondiale?

La prima edizione del tour di Serbia ebbe luogo nel lontano 1939 venendo vinta dal serbo August Prosenik ed, in seguito, organizzata ogni anno venendo interrotta dal 1941 al 1962, dopo l’inizio del conflitto mondiale.

Nel 1963 si riprese a correre tale competizione ed in tale occasione la vittoria andò al polacco Jozef Vávra, da allora ogni anno è stata corsa non venendo sospesa neanche nel 2020, anno della pandemia da Covid-19.

Ma perché è così sentita questa competizione in Serbia?

La bici è riconosciuta universalmente come emblema di uno stile di vita sano e bilanciato ma in Serbia ancor di più per merito dell’associazione senza fini di lucro, Novosadska biciklistička inicijativa.

Lo scopo di quest'associazione è semplice: promuovere l'utilizzo della bicicletta per ridurre il più possibile le emissioni di CO2 e quindi l’inquinamento derivante dalle auto.

Passare dal guidare un auto ad una bicicletta, infatti, non è fonte di benefici solo per l’organismo ma anche per l’ambiente, per questo in Serbia, come anche negli altri paesi europei, se ne incentiva l’uso grazie agli atleti.

Ogni atleta non è più quindi solo uno sportivo che dà tutto sè stesso per arrivare primo e conquistare la vittoria, ma molto di più, diventa infatti un sano punto d' ispirazione non solo per meriti sportivi bensì anche promototore di uno stile di vita ecologico improntato sulla sostenibilità.

Il Tour di Serbia non è quindi una corsa a tappe ma assume pertanto una doppia valenza.

Non più solo una competizione di alto livello appartenente al circuito UCI Europe Tour cui prendono parte solo atleti professionisti come Luca Chirico della Drone Hopper Androni o Enrico Salvador, bensì un manifesto del traffico responsabile ed eco-friendly raggiungibile grazie all’utilizzo della bici.

Una partita a scacchi

Il territorio impervio ed irregolare serbo si caratterizza per l'alternarsi di territori pianeggianti, collinari e montuosi, quindi dalla presenza di tappe più consone ai velocisti ed altre agli scalatori, saper pianificare la propria strategia è rilevante non solo in materia di tattica ma anche di abbigliamento da ciclismo.

Vestirsi con i giusti capi cambiandoli opportunamente costituisce indubbiamente un indubbbio vantaggio, infatti saper quando indossare solo una canotta rete ed una salopette o anche un secondo strato come un gilet o una giacca antivento è fondamentale per poter vincere una competizione in cui l'escursione termica gioca un ruolo fondamentale data l'irregolarità del tracciato di gara.

Solo coi capi giusti si può infatti mantenere il corpo termoregolato, sentirsi leggeri e comodi in ogni frangente.

In ciò sono stati diversi i campioni nel corso degli ultimi anni, atleti come il croato Martin Haring, l'italiano Enrico Salvador, l'argentino Nicolás Tivani, lo sloveno Matej Mugerli, il russo Ivan Savickij, il polacco Jarosław Kowalczyk, il serbo Ivan Stević ed il tedesco Stefan Schumacher, atleti provenienti da punti diversi del mondo, accomunati dalla loro capacità unica di saper scegliere abilmente ogni elemento del proprio abbigliamento tecnico che padroneggiare sapientemente un'otima tattica di gara.

Il francese Jean Goubert si è aggiudicato l’ultima edizione, quest’anno chi la vincerà?

Dobbiamo pazientare ancora poco, il Tour di Serbia sta per iniziare.

Godiamoci lo spettacolo!

Barbara Bassi

Ciao sono Barbara, blogger e responsabile business development in Biotex dal 2008. Con grande passione mi dedico alla stesura degli articoli del blog che riguardano gli aspetti più tecnici dei capi Biotex come l’utilizzo di fibre innovative per poter garantire in maniera costante il miglior clima per la propria pelle. Questi 10 anni e più di esperienza diretta mi permettono di avere una visione a 360° su quello che è stato e l’evoluzione tecnologica applicata ai tessuti sportivi degli ultimi anni e che Biotex, con lungimiranza, ha saputo prevedere e ci ha creduto fin da subito.

 

Iscriviti alla newsletter

Riceverai subito il CODICE SCONTO del 10% valido per il 1° ordine e in anteprima le novità e le promozioni sui prodotti!