0
Totale : € 0,00
Carrello vuoto
Aggiorna

La mia storia in molti la conoscono, molti altri no.

Allora partiamo così... un ragazzo con tanti chili di troppo, poca autostima e quella quasi continua “frustrazione di guardarsi allo specchio e non piacersi”.

Un giorno quel ragazzo decide di dare una svolta alla sua vita

Decide di punto in bianco di diventare un triatleta (qui lo riassumo in tre righe ma vi prometto che presto vi racconterò meglio questo percorso).

Gennaio 2015 - l'infortunio

In piena preparazione della mia prima maratona, un infortunio al flessore mi fermo ai box per più di 40 giorni.
Mancano esattamente meno di due mesi a quello che fino a pochi anni prima vedevo come un’utopia: diventare un maratoneta.
Piansi molto in quel periodo, tutti mi dicevano di non andare, che sarebbe stata una pazzia, che alla fine si sarebbe trattato solo di “rimandare”, non abbandonare…
Ma io NO! Io ci credevo e io a Roma volevo andare .. dovevo almeno provarci. E così feci.
Ricordo esattamente come fosse ora quel momento, dalla notte della vigilia passata quasi interamente nel bagno, allo sparo della partenza, dall’ingresso alle gabbie dei fori imperiali, alle lacrime sotto al traguardo.
Sì, a quel traguardo io ci arrivai. Coronai il mio piccolo/grande sogno: ero un MARATONETA.
Ci avevo messo tanto, ci avevo messo tutto, ci avevo messo il cuore, ma probabilmente tutto questo da solo non sarebbe bastato, se non ci fossero stati loro… i miei angeli custodi: i PACER.

Ma chi sono questi PACER!?

I PACER sono runner con esperienza alle spalle messi a disposizione dall’organizzazione delle gare con il compito di aiutare e guidare, passo dopo passo i podisti verso il traguardo. I Pacer, contraddistinti da maglie palloncini colorati su cui sono indicati il tempo con il quale ti guideranno all’arrivo, sono orologi svizzeri, garanzia di regolarità e costanza.
 3h50min
Fondamentali, nient’altro da aggiungere, oltre che ad assicurarmi un passo costante da seguire mi avevano incitato e sostenuto per tutti i 42 km 195 m, li abbandonai solo nel finale, quando ormai era fatta e volevo godermi il passaggio fra la folla. In quella domenica di marzo, mentre il sogno si realizzava, un altro stava per cominciare a prendere vita:
UN GIORNO, ANCHE IO, SAREI DIVENTATO UN PALLONCINO”.
Beh, quel giorno è arrivato prima di quanto potessi immaginare.
 
Si sa, nella vita nessuno ti regala niente, se vuoi qualcosa, devi rimboccarti le maniche e andartelo a prendere. In quel sogno di poter correre col palloncino io ci credevo. Cominciai a chiedere ai runners esperti, a scrivere alle organizzazioni delle maratone … ma la risposta era sempre la stessa, un po’ come quando uno cerca lavoro:
Le faremo sapere”. Cercavano Pacer, ma pacer esperti, che l’avessero già fatto… 
Ma uno come cavolo fa a fare esperienza se nessuno ti fa cominciare?!
Non mi arresi, continuai a scrivere e  a cercare, non mi interessava che fosse stata la maratona di New York o la corsa della parrocchia, a me interessava semplicemente correre per aiutare qualcun altro, correre per essere da sostegno, correre per sentirmi semplicemente “fondamentale”... un palloncino insomma.
 

Pacer personale dei miei amici: la mia prova generale

Intanto continuavo a correre, pensate che a “Roma 2019” mi elessi pacer personale di due miei amici entrambi all’esordio maratona. Corsi la mia maratona per accompagnare loro. Uno dei due al km 8, cadde a terra per svenimento, era partito con il virus.
Pioveva, lo accompagnammo in ambulanza, stemmo con lui una ventina di minuti, non sapevamo più cosa fare…
Guardai l’altro ragazzo, un mio carissimo amico, mi disse:

Marco io da solo non la finisco… Se tu non vai non vado neanche io“.
Non sapevo cosa fare, uno era in ambulanza, l’altro ad aspettare me per continuare il suo sogno.
Guardai Mich (era lui quello svenuto) dalla barella dell’ambulanza, mi accennò un timido sorriso:

Marco vai, io sto meglio, ci vediamo dopo“.
Il cuore in gola me lo sento ancora adesso Se penso a quel momento. Guardai ancora una volta Mich, poi mi girai verso Matteo (l’altro ragazzo) e gli fece un cenno deciso con la testa per dire: "andiamo, tocca a noi".
Avevamo fatto 8 km sotto la pioggia, eravamo rimasti fermi 20 minuti, infreddoliti, con dentro un cumulo di emozioni contrastanti, ma ripartimmo come se la nostra maratona cominciasse proprio in quel momento.
Passo dopo passo, chilometro dopo chilometro arrivammo sotto il colosseo… Matteo mi abbracciò forte, “Marco senza di te non ce l’avrei fatta”.

Fra i miei sogni, c’è quello di diventare un PACER

 

Ce l’avrebbe fatta e come, però sentirmi dire quelle parole, mi fecero sentire dentro un po’ PACER anche me.
ERO UN PACER, ma non un pacer ufficiale, per quello avrei dovuto attendere ancora un po’.
Proprio in quella maratona, all’ Expo, incontrai un mio carissimo amico, colonna portante del mondo il Running. Gli dissi: “Ale, io voglio fare il pacer”.
Mi portò da dei suoi amici, mi dissero: “Ti terremo in considerazione”. 
Si vabbè ... la solita considerazione pensai io.
 

Luglio 2019 - c'è posta per me

Nella posta di arrivo della mia casella mail, c’è un messaggio di neanche 20 parole che non so neanch’io come definire…
Ciao Marco, avrei un posto disponibile come pacer 3h50’, sei ancora interessato?
fammi sapere appena possibile, grazie.
A scrivere era Julia Jones, storica capo tram pacer della maratona di Venezia.
Ed ora? Cosa gli dico?
Se la voglia di essere pacer da una parte era tanta, dall’altra la paura di non farcela era ancora di più.
Perché direte voi?!
Erano quelle 3 ore e 50 minuti a farmi paura; avevo già Corso Venezia, un anno prima, sebbene in condizioni estreme, vento ed acqua alta, ma avevo impiegato 3h39’ , e sebbene il tempo con cui sarei dovuto essere Pacer erano 10 minuti in più, a me quei 10 minuti sembravano davvero pochi per poter correre, incitare ed essere da sostegno e supporto ad altri.

Marco Tri Maratona di VenziaDecisi di dire a Julia le mie perplessità, non mi sembrava molto comprensiva in quel momento, mi rispose: “Devi solo dirmi se lo vuoi fare o no”.
Me la stavo letteralmente facendo addosso, volevo farlo, ma avevo paura di deludere, tanta paura.
Scrissi ancora una volta a Julia, ribadendo tutte le mie perplessità/paure ma anche la mia tanta voglia di esserci.
Pensai tra me e me: “Questa volta mi manda a cagare”.
Mi rispose poco dopo: “Voglio darti questa possibilità, sarai affiancato da PACER esperti, il posto è tuo”.
Ragazzi ero al settimo cielo, non potete capire, stavo per realizzare un altro grande sogno.

Questo sogno realizzato

27 Ottobre 2019
Stranamente dalle solite vigilie pre gara, mi sentivo calmo, sereno. Finalmente potei conoscere Julia di persona e al contrario di ciò che mi era sembrata via mail, vidi ai miei occhi una persona davvero accogliente, sensibile, pronta a raccogliere tutte le nostre paure e perplessità per trasformarle in carica coraggio.
Come da prassi, venni affiancato a 2 PACER molto esperti: Beppe ed Alessandro.
Avevo cercato i loro nomi sui social già prima, quando ne ero venuto a conoscenza, giusto per farmi un’idea, ma la mia solita fortuna volle che nessuno dei due avesse Facebook o Instagram.
Vidi le loro facce per la prima volta quel giorno, il primo mi sembrava simpatico, mi accolse benissimo e fatto subito sentire a casa.. Il secondo giusto un sorriso e “Io sono Alessandro”.
"Andiamo bene", pensai dentro di me, "se domani “scoppio”, questo mi prendi a sberle".
E invece quel pacer, a primo sguardo un po’ “banfone”, fu il mio motore per tutta la maratona.
Già dai primi metri, mi fece sentire parte integrante di quel gruppo come mai avessi potuto immaginare.
Appoggiava le sue battute alle mie, ad ogni cartello chilometrico scandiva passo, tempo e secondi di gap, senza mai perder modo di sostenere e di incitare il gruppo che portavamo a seguito.
Beppe correva leggermente più avanti, un metronomo, runner d’esperienza con chissà quante maratone alle spalle.
Ale, un occhio sull’orologio, uno sul gruppo e non so come facesse, entrambi su di me, a verificare come e dove stessi, un po’ come a volermi “proteggere”.
Marco Tri Maratona di Venzia un anno dopoOgni volta che incrociavo il suo sguardo, praticamente sempre, per me voleva dire “VAI MARCO, CE LA FACCIAMO”.
È un’esperienza che porterò per sempre dentro di me, dall’abbraccio con il coach e Pam prima della partenza (c’erano anche loro) al passaggio con tifo da stadio in piazza San Marco, dalla gioia dell’arrivo in Riva Sette Martiri, a quella sorta di malessere quando vedevo ragazzi del gruppo che scortavamo non riuscire a tenere il passo. Mi sentivo impotente, provavamo ad incitarli, ma non era sufficiente, avrei voluto prestare loro le mie gambe, in quel momento, non so come spiegarlo, era un po’ come perdere un pezzetto di me stesso.
Bisogna comunque farsene una ragione, un PACER deve fare il massimo, il massimo per portare più gente al traguardo. Ma una volta fatto il massimo, bisogna continuare, bisogna farlo per chi in quel tuo passo vede “un sogno”, rallentare per aspettarne uno, vorrebbe dire deluderne magari 20.

E allora ho capito questo: che un Pacer, oltre che a un privilegio, è una responsabilità.
È qualcosa di grande, qualcosa che porterò per sempre con me, una felicità che non si può spiegare, una gioia che molti non possono capire…
Perché per essere Pacer bisogna essere certi innanzitutto che la felicità non dipenda da una posizione in classifica.

Io oggi sono felice, felice di avere realizzato un mio sogno…
Il sogno di un ragazzo di correre la sua maratona col palloncino… La prima di tante.

Cosa c’entra BIOTEX tutto questo?

BIOTEX è un po’ come me, ad entrambi piace sognare in grande.

BIOTEX è con me ogni giorno, in ogni allenamento, in ogni rincorsa verso nuovi traguardi.

Il mio capo preferito è la T-shirt Light Touch, leggera ed elastica, senza cuciture sui fianchi, mantiene il corpo asciutto e termoregolato Non solo durante le attività ma anche durante i momenti di pausa. Praticamente una seconda pelle.

I miei alleati Biotex sono:

T-Shirt Light Touch
T-Shirt Light Touch



È uno dei miei prodotti preferiti... con lei ho corso le mie maratone migliori, anche in condizioni climatiche abbastanza proibitive. Traspirante, perfettamente aderente al corpo, una seconda pelle. Consigliatissima.. 5 stelle sono anche poche

Dettagli prodotto

T-Shirt Seamless
T-Shirt Seamless



Utilizzo questo capo i tutte le stagi. Aderente, termoregolabile. Prodotto eccellente!

Dettagli prodotto

Calza FUN
Calza FUN



Utilizzo questo calzino quotidianamente durante tutti gli allenamenti, sia in bici, che di Corsa (naturalmente durante il periodo estivo). Nulla da dire, se non.. ECCEZIONALE. Perfettamente aderente, ottima traspirazione, il piede rimane asciutto anche dopo ore di allenamento.. Colori TOP

Dettagli prodotto

Maglia Utra
Maglia ULTRA



È una delle mie maglie preferite, la indosso sia per le sessioni di solo ciclismo, che per combinati bici/corsa. Perfettamente aderente al corpo, senza cuciture, è quasi come una seconda pelle. Da inizio primavera abbinata al manicotto a fine estate.. è la mia miglior compagna di allenamento.. CONSIGLIATISSIMA

Dettagli prodotto

Forse potresti essere interessato anche a

 

Iscriviti alla newsletter

Riceverai subito il CODICE SCONTO del 10% valido per il 1° ordine e in anteprima le novità e le promozioni sui prodotti!