Con l'avvicinarsi della primavera riprende la voglia di allenarsi e godersi le temperature fresche, occorre tuttavia vestirsi nella maniera adeguata.

I capi sportivi invernali infatti sono off limits perché aumentano la sudorazione oltre il limite della sopportazioni mentre quelli estivi risultano troppo leggeri e a forte rischio raffreddamento.

Quindi come bisogna vestirsi?

Il segreto sta nel vestirsi a strati in funzione dell’attività che si vuole intraprendere, c’è infatti una gran differenza tra l'abbigliamento per correre alla luce del sole e i capi da indossare per un trail notturno. 

Diviene quindi di basilare importanza che l'abbigliamento sia tecnico perché capace di massimizzare la traspirazione e non trattenere il sudore a contatto con la pelle. 

Per questa ragione, il cotone è fortemente sconsigliato in quanto assorbe il sudore ma non lo espelle, emanando quindi anche cattivo odore.

Non si deve inoltre coprirsi troppo ma adeguatamente in base alle condizioni con cui si deve correre, fare attività fisica a mezzogiorno richiederà meno strati che farla al tramonto. 

Nel caso in cui si voglia essere impreparati ad ogni circostanza, è bene quindi munirsi di una giacca da togliere per quando la sudorazione comincia a farsi sentire e rimettere al termine dell'allenamento per non far raffreddare i muscoli.

L'abbigliamento ideale per la corsa

Un must per il runner è il gilet da running, capo da indossare direttamente sulla maglietta così da ostacolare il vento e lasciare che il sudore vapori con facilità verso l'esterno

In primavera/autunno è molto utilizzato da tutti quelli alla ricerca di un abbigliamento per correre capace di risultare leggero ma al tempo stesso fruibile per le temperature ballerine che contraddistinguono le mezze stagioni.

Altro indispensabile alleato è rappresentato da calzamaglia o pantaloncini corti in base alle esigenze, con temperature più rigide andranno meglio i primi, se sono più calde i secondi.

Per gli arti invece?

Nel caso si opti per un abbigliamento costituito da maglia a maniche corte e pantaloncini, possono essere indossati anche dei manicotti e dei gambali. 

Questi si rivelano perfetti per garantire una protezione degli arti da vento e freddo qualora fosse necessario, ma sono facilmente toglibili in base alle necessità.

Mai sottovalutare l'intimo

Per quanto riguarda l'intimo sportivo, la sua funzione principale è quella di supportare il corpo in tutti i movimenti, facendolo sentire sempre fresco ed asciutto grazie alle fibre sintetiche con cui è realizzato, che lo rendono traspirante.

Per questo motivo, molti si trovano a loro agio indossando la maglia intima da ciclismo in polipropilene, il materiale più efficiente quando si tratta di traspirazione e a mantenere la pelle asciutta e pulita. 

Questo filato è perfetto non solo per maglie e pantaloncini ma anche per gli accessori come gambali, manicotti e tubolari, che fasciano arti e testa senza limitarne i movimenti.

Che si propenda quindi per una canotta intima, una maglietta, pantaloncini o gambali, è una scelta personale ma è meglio far sì che siano sempre di polipropilene, il migliore alleato per uno sportivo.

Gilet antivento WIN

Gilet antivento WIN

con protezione frontale antivento e un tessuto traspirante nella zona posteriore

scopri di più

T-Shirt Light Touch

T-Shirt Light Touch

con tecnologia 3D

scopri di più

Pirata 3/4 a 5 compressioni

Pirata a 3/4

a 5 compressioni differenziate

scopri di più

Manicotti Thermo

Manicotti Thermo

in tessuto morbido e traspirante

scopri di più

 

Iscriviti alla newsletter

Riceverai subito il CODICE SCONTO del 10% valido per il 1° ordine e in anteprima le novità e le promozioni sui prodotti!